I casi della vita

I casi della vita

Detenuta per non aver pagato gli alimenti all’ex marito: si rifiuta di bere e di mangiare.

I casi della vita

I casi della vita-La donna, su cui pende una condanna a due mesi, secondo il suo legale, Giuseppe Caccetta, ha iniziato uno sciopero della fame e della sete, ha già  perso 10 chili e si trova in condizioni che potrebbero compromettere la sua salute.

La donna, per protesta, non ha voluto presentare istanza per i domiciliari perché la paradossalità , evidente ed inconfutabile, della vicenda risiede nel fatto che la mia assistita, che è pure la mia fidanzata, non ha mai ricevuto nessuna notizia o notifica relativa a questo ipotetico processo, non ha mai conferito mandato ad alcun difensore, oltretutto non vanta redditi di alcuna natura.

L’avvocato si è appellato al Capo dello Stato per sottolineare lo sforzo strenuo ed accorato di una donna, già  madre vituperata nell’amore per le proprie figlie affidate in regime di separazione prima e divorzile poi e la sospensione automatica della pena, l’assoluta cancellazione di un provvedimento e di un processo “ se mai esistito “ che pongono seri dubbi in merito all’esistenza stessa di Giustizia.

———————————————————————————————————————————————————————

Fonte:Bernalda. Appello del suo legale al Capo dello Stato

Appoggio totale da parte dei padri separati vedendosi nella stessa situazione giuridica…la legge che vige per le separazioni deve essere rivista e applicata incondizionatamente dal sesso e rendere il cittadino libero da vincoli verso l’altro partner.

Questo vale per entrambi le parti e per questo che si fa una battaglia mediatica ..per entrambi a differenza di molte femministe che vorrebbero solo favoritismi.

kirap

kirap

Non si conosce mai abbastanza bene una donna fino a quando non la si incontra in tribunale. (Per la maggiore) http://www.separati.eu/

Potrebbero interessarti anche...

Stop Ingiustizie!

Leggi sul divorzio ingiuste,Rapimenti,Tradimenti, Scrivi la tua storia qui in modo che tutti possano leggere. Clicca sul cartello rosso e vai alla Sala Stampa

Stop Ingiustizie!