La Puntata di matrix su canale 5,si parla di divorzio breve, affido condiviso e patti prematrimoniali

Puntata di matrix  su canale 5,si parla di divorzio breve, affido condiviso e patti prematrimoniali
Link Per rivedere la puntata Clicca
Interviene:

Annamaria Bernardini de Pace difende il lato economico della casta AMI. Evidente espressione gemella del nostro ben noto Avv. Gian Ettore Gassani.

Ecco di cosa è capace  e quale intendo abbia ,articolo del 23 marzo 2009 :

L’avvocato matrimonialista più famoso d’Italia, Annamaria Bernardini de Pace, sospesa per tre mesi. Lo ha deciso il consiglio dell’ordine degli avvocati di Milano, chiudendo così un procedimento innescato da quattro clienti della professionista, scontenti per aver pagato parcelle superiori a quello che ritenevano di dover pagare.

Nell’esporre gli onorari, Bernardini de Pace aveva precisato gli importi relativi sia all’attività giudiziale che a quella stragiudiziale. Sia le voci che riguardavano le udienze e la loro preparazione sia quelle che si riferivano ai colloqui con gli assistiti, alle lettere inviate agli avvocati avversari, e ad altri adempimenti complementari all’attività da svolgere in tribunale. Il consiglio dell’ordine ha deciso che si trattava, in tutti i casi, di attività giudiziali che non potevano essere contate due volte considerandole come stragiudiziali.

E così dall’11 marzo all’11 giugno Bernardini de Pace – nota per le sue battaglie civili (sta per pubblicare un libro sui diritti dei gay) e per aver seguito, tra le sue 27mila cause, separazioni illustri come quelle tra Romina Power e Albano, tra Michelle Hunziker ed Eros Ramazzotti o tra Nina Moric e Fabrizio Corona – non potrà svolgere la sua professione. “Rispetto la decisione ma la vivo come un’ingiustizia – replica la matrimonialista – e per questo ho già presentato ricorso in Cassazione. Le voci delle tariffe a cui si rifà l’ordine risalgono al 1933. Siamo nel 2009 e nel frattempo molte cose sono cambiate.C’è stato il divorzio, è stato riformato il diritto di famiglia, e per cause di questo genere si ricorre a consulenze psicologiche, si fanno indagini patrimoniali. Tutto questo fa sì, insomma, che il 90 per cento delle nostre attività siano stragiudiziali”.

Paolo Giuggioli, presidente dell’ordine degli avvocati di Milano, non transige: “Non parlo del caso specifico. Ma per noi è molto chiaro cosa rientra nell’attività giudiziale: tutto quello che riguarda la preparazione di una causa, dallo studio della controversia all’udienza. È stragiudiziale, invece, l’attività svolta per il cliente ma per altre cause”.

Il procedimento per il quale ieri si è decisa la sospensione dell’avvocato è partito nel 2005 dopo l’esposto presentato da quattro clienti che si erano rivolte alla Bernardini de Pace per una separazione. Le cause erano state vinte e i clienti hanno pagato la parcella. Ma poi hanno chiesto giustizia. “Per una delle quattro ex clienti – spiega la civilista – la causa si è risolta ancora prima di andare in giudizio, con un accordo amichevole con la controparte. In un altro caso il cliente riteneva che i colloqui dovessero essere inseriti tra le attività giudiziali. Ma la mia attività non si limita alla preparazione dell’udienza: su ogni fascicolo lavorano tre avvocati, forniscono assistenza continua al cliente, che, secondo noi, non va mai lasciato solo. Le corrispondenze con gli avvocati avversari, poi, non si riducono in una lettera o due ma in decine di lettere… Noi vendiamo parole, un bene immateriale: perché non si deve considerare il loro valore?”.

Commento  del 2010 di un lettore :

1. Disponibile e generosa?

Tutto si può dire della Bernardini De Pace meno che sia generosa. Disponibile forse sì, ma a dare addosso ai padri separati perché sa benissimo che una reale parità nelle cause di separazione ridurrebbe il conflitto fra le parte e di conflitto lei ci vive,come tutti gli avvocati. L’unica cosa che conta per lei è il denaro. I suoi attacchi nei confronti di persone che hanno perso tutto e che lottano strenuamente per un diritto sancito dall’art. 3 della Costituzione sono la regola. Se ci fossero meno avvocati come lei, forse molte persone e soprattutto bambini soffrirebbero a causa della discriminazione sessista che esiste nelle cause di separazione.

de Judicibus Dario– 05/02/2010 09:44

Ed ora ecco a voi il perchè della sua linea di condotta nella trasmissione MATRIX

ANNAMARIA BERNARDINI DE PACE ADERISCE ALL’AMI

ANNAMARIA BERNARDINI DE PACE ADERISCE ALL'AMI

Anche la nota Collega milanese fa parte della nostra Associazione Forense.

L’AMI ha deciso di iscreverLa quale socio onorario per tutto il suo prezioso

contributo per la valorizzazione del diritto di famiglia, materia giuridica più affascinante

e più complessa di tutte.

Ad Annamaria vanno le nostre congratulazioni vivissime.

                                                                                                 AMI NAZIONALE

(scritto il 05/02/2010 – 10.06.49)

——————————————————————————————————————————————

Come volevasi dimostrare lei ostenta lusso e bramosia di denaro..non sforzandosi affatto di nascondere il suo intento .. certo appoggia il divorzio breve.. perchè loro ci guadagnano di più.. queste sono le sue parole.. non perchè sia giusto.. ma quando si parla di mantenimento diretto e affido condiviso vero e paritario..allora no..perchè verrebbero a mancare le loro prestazioni….!!

Interviene Fabrizio Adornato: 

La sua storia la conosciamo tutti e sopratutto conosciamo l’integrità dell’uomo e il suo intento non solo personale …ma di tutti..partecipe alla manifestazione del 5 ottobre a Roma..realizzata grazie alla forza che ha irradiato a tutti noi con il suo gesto.Complimenti al suo intervento che questa volta a toccato i punti fondamentali della discussione.

 

Interviene Diego Sabatinelli:

Portavoce dei Radicale e segretario della lega per il divorzio breve ,porta a conoscenza l’indissolubile verità , e cioè la necessità del divorzio abbreviato nei tempi e il patto prematrimoniale.

 

 

 

Interviene Tiberio Timperi:

Nulla di da ridire sull’operato del Giornalista.. Che peraltro esprime appieno le problematiche che riscontrano tutti i padri separati.. e non solo a parole ma anche mimiche..i padri separati si sentono tutti inorgogliti dalle sue espressioni ed interventi.

 

 

 

 

Interviene Vittorio Vezzetti:

Ben noto Pediatra sopratutto per suo libro “Nel Nome Dei Figli” chi ha letto il suo libro capisce come questa persona stia aiutando tutti i Padri separati d’italia..anch’essi esponendo verità indissolubili.

 

 

 

 

Interviene Dottoressa Melita Cavallo, Presidente Tribunali dei Minori di Roma:

Figura sicuramente fiduciosa .. attenta alle problematiche e voler aiutare alla risoluzione .. ma nel difendere (con scarsa riuscita) la casta dei magistrati si è più volte contraddetta dicendo che loro operano bene ma conscia che molti collegi non lo fanno.. vorrebbe difendere l’indifendibile…siamo onesti ..il problema e gli errori giudiziari vuole che siano per corrente ideologica o per negligenza ,comunque ci sono e tanti.. a danno dei padri separati.

Conclusioni : La puntata finisce con una richiesta a tutti per un divorzio breve e inserimento del contratto prematrimoniale..inviando una email a MATRIX

SCRIVI A: dilloamatrix@mediaset.it dicendo poche semplici parole (anche copiandole e spedendole)

SI A:
– PATTI PREMATRIMONIALI
– DIVORZIO BREVE

SI ANCHE A:
– APPLICAZIONE REALE DELL’AFFIDO CONDIVISO
– RIFORMULAZIONE sostanziale del “DIRITTO DI FAMIGLIA”

Ospite

Ospite

Sono te ,lui,chiunque e scrivo in anonimatohttp://www.separati.eu/

Potrebbero interessarti anche...

Stop Ingiustizie!

Leggi sul divorzio ingiuste,Rapimenti,Tradimenti, Scrivi la tua storia qui in modo che tutti possano leggere. Clicca sul cartello rosso e vai alla Sala Stampa

Stop Ingiustizie!