Taggato: padre

0

L’odissea di Riccardo Tulipanti

Bigenitorialità. “Sto lottando per continuare a fare il padre di mia figlia”. L’odissea di Riccardo Tulipanti Riva Ligure. “La legge sulla bigenitorialità c’è. Che la si applichi invece di continuare a speculare sul minore...

0

Mamma figlicida

Il marito chiede il divorzio, lei uccide i figli di 3 e 7 anni e cerca di sgozzarsi. Mamma figlicida DARLINGTON Dopo la richiesta di divorzio da parte del marito, una Mamma figlicida di...

0

Il divorzio breve piace agli italiani

Il divorzio breve piace agli italiani: in aumento del 57% Grande enfasi sul numero dei matrimoni in aumento, mentre il vero boom è quello del divorzio. Ecco cosa succede quando una legge aiuta a...

0

“ridiamo speranza ai divorziati” Il Santo Padre

“ridiamo speranza ai divorziati” CdV – “Cio’ che piu’ ci sta a cuore riguardo ai separati che vivono una nuova unione è  la loro partecipazione alla comunita’ ecclesiale”: lo ha affermato Papa Francesco nel discorso rivolto...

0

Nasce una struttura per i padri separati

Nasce una struttura per i padri separati E’ dotata di sei posti letto e ambienti comuni dove poter ospitare i figli minori Padre separato Prato, 23 febbraio 2016 – Un locale per padriseparati. Sarà la...

0

Una casa per i papà separati

Una casa per i papà separati Un progetto ambizioso del quale non si parla al condizionale ma al futuro prossimo. La Daddy’s House, infatti, si farà. Ne sono certi i promotori, i padri dell’associazione...

0

Un incredibile attuale storia

R I S E R V A T A

 

Cari amici/amiche,

questa è la mia quanto più sintetica storia … quanto necessario a farle capire in quale micidiale meccanismo sono stato spinto e nel quale ancor oggi vengo tenuto e coinvolgente anche mia figlia Mirella Greta, già orfana della madre.

Da circa due mesi questa mia figlia viene tenuta in una casa famiglia situata in via Gradisca civ. 16 ( Roma ) con regole ed orari più pesanti di un carcere, impedita ad uscire in libertà con le proprie amiche ( da due mesi ) impedita a vedere la propria amata cagnetta, impedita a vedere il sottoscritto padre ed ancor più insostenibile intimorita con prospettazioni di vedere peggiorare la propria attuale

0

Minorenne si suicida

Dopo un anno dal suicidio di suo padre il gesto viene ripetuto dalla figlia 17 enne.

La ragazza si è lanciata dal nono piano di un palazzo di via Urbino. L’ultimo post dedicato al padre: «Torna o ti raggiungo io»

«Papá ti amo. Torna qui con me… altrimenti ti raggiungerò io». E alla fine l’ha raggiunto. Come aveva detto. Come aveva scritto il 1 luglio scorso. Una ragazza di 17 anni si è tolta la vita ieri pomeriggio lanciandosi dal nono piano di un palazzo alla Sacra Famiglia. Esattamente lo scorso anno il padre aveva fatto lo stesso. Stesso luogo e stesso destino.

0

False accuse – dopo dieci anni la verità

Padre 50enne venne condannato per abusi sessuali durati sei anni. Scagionato in appello: «Il fatto non sussiste»
Era accusato di violenza sessuale sulla figlia, piccolissina. Atti che T.R., 50 anni, avrebbe compiuto sulla bimba quando lei aveva tra i 5 e gli 11 anni. Per sei anni, dunque, avrebbe abusato continuamente della piccola. Avrebbe? No, nemmeno questo condizionale va usato in questo caso, perchè anche il dubbio è stato spazzato via dalla sentenza dei giudici della Corte d’appello di Bologna (terza sezione, presidente Santini) che hanno assolto il padre da ogni reato, con la formula più piena, «perchè il fatto non sussiste».

0

Odissea Infinita

Odissea Infinita Odissea Infinita-Spettabile associazione Vi scrivo perché anch’io da 5 anni mi sto battendo per far tutelare i miei diritti di padre separato, a volte anche contro i mulini a vento.    ...

0

Padre si suicida dopo saputo figlio impiccato

Soffriva per la separazione dei genitori. Il giovane rischia danni permanenti Che ci fosse accordo fra padre e figlio..quanto l’amore padre figlio è inferiore all’amore madre figlio?
VERBANIA – Restano disperate le condizioni del sedicenne che ha tentato di uccidersi impiccandosi a una trave nella sua casa di Intra, in provincia di Verbania. Ricoverato in prognosi riservata all’ospedale di Pallanza, proprio negli stessi attimi in cui il padre – appresa la notizia del tentativo di suicidio – si è tolto la vita sparandosi alla testa, è in coma farmacologico. Qualora sopravvivesse, rischia di subire danni permanenti. Il giovane soffriva per la separazione dei genitori.

0

50 km al giorno a piedi, da Vasto a Strasburgo, per affermare i propri diritti di genitore

Ci ha ragionato per mesi, prima di determinarsi in una iniziativa senza precedenti. Antonio Borromeo, 46 anni di Vasto, educatore separato dal 2006 e padre di un bambino di 10 anni, ha deciso di iniziare, a partire dal prossimo 25 aprile da Vasto (piazza Diomede), un cammino di protesta in nome dei suoi diritti di genitore negato.

Borromeo percorrerà 50 km al giorno camminando per 10 ore. Dice lui stesso che “….sono abituato a camminare perche’ vado sempre a piedi, ma da tre mesi sto effettuando un allenamento specifico per preparargli al meglio a questo mio viaggio fino a Strasburgo per fare valere il mio diritto a essere padre e a mio figlio di avere un padre”. In tutte le località in cui farà tappa Borromeo, per un viaggio che durerà un mese e mezzo, sarà atteso da centinaia di persone che stanno già condividendo questa avventura sulla rete.

1

Un padre

Un padre Gent. Associazione sono un padre, il solito, uno dei tanti separati. Unica differenza che si tratta di separazione internazionale, con alle spalle una vicenda assurda – come lo saranno tante – in...

0

Io, padre separato

Adornato
Fabrizio Adornato

Da sessantasei giorni Fabrizio Adornato, maresciallo dei Carabinieri, mangia soltanto frullati, yogurt e bevande energetiche. Ha perso quattordici chili, le forze sono allo stremo. Ogni mattina srotola i suoi striscioni davanti al Tribunale di Genova raccontando ai passanti i motivi della sua protesta: a causa di una lunga e conflittuale separazione dalla ex moglie, da due anni non riesce a vedere la figlia ormai quattordicenne.

Ed è ridotto sul lastrico: ogni mese deve versare 440 euro alla madre della ragazzina nonostante abbia ottenuto l’affido condiviso e dunque la possibilità di mantenere la figlia direttamente. E così Adornato, che ha dovuto lasciare la casa alla ex moglie e affittare un appartamento, prima di iniziare lo sciopero della fame mangiava una volta al giorno, spesso in caserma per risparmiare, chiedendo prestiti a parenti e amici. In questi giorni l’Enel ha staccato la fornitura di energia elettrica: non paga da mesi le bollette.

Io, padre separato, per 5 mesi ho dormito in macchina 0

Io, padre separato, per 5 mesi ho dormito in macchina

padri separati12 Gennaio 2013 – 08:05

RHO (MILANO) – «Si prega di rispettare il silenzio». Ad accoglierti nel collegio dei Padri oblati di Rho è un cartello che esorta a non fare rumore. Dietro il portone di legno della struttura di inizio Settecento, il rumore del traffico della cittadina dell’hinterland milanese è già un ricordo. Nel chiostro pulito con l’erba curata, accanto ai padri, quelli religiosi, si vedono camminare anche i papà. Quelli laici e separati. È qui che è nata la “casa” che accoglie gli uomini che dopo il divorzio sono rimasti senza un tetto. Le stanze messe a disposizione sono 15, ma al momento solo sei sono occupate. Con 1.200 euro di stipendio,  pagare gli alimenti per i figli, l’affitto di una nuova casa e magari il mutuo di quella vecchia diventa impossibile. Così si finisce in fila alle mense della Caritas o a dormire sulla scalinata della stazione Centrale di Milano. Il progetto, nato nel 2010 in collaborazione con la provincia di Milano, è ufficialmente terminato il 31 dicembre del 2012. «Tra un annuncio e l’altro sulla abolizione delle province, non sapevamo se sarebbe andato avanti», dice Michele Elli, padre superiore del collegio. «Ma ora dalla Regione Lombardia mi hanno dimostrato la volontà di proseguire».

I padri separati sono vittime 0

I padri separati sono vittime

Ogni storia di violenza sull’uomo e padre, è pressoché uguale, come si legge anche su www.papaseparatiliguria.it, il portale dei «disperati», vittime di mogli e anche di magistrati, che ieri hanno manifestato davanti al «palazzaccio» genovese. Accuse infondate, le più abbiette. Lungaggini giuridiche. Udienze senza esito. Muri di gomma. Assistenti sociali o giudici quasi sempre di parte o negligenti. «Tutti ne parlano, ma nessuno interviene. È un male trasversale» spiegano le autrici e gli autori delle associazioni genovesi Voltar Pagina e Mater Matura, che hanno pubblicato, edito da Erga, il volume da oggi in libreria «Il delirio e la speranza», undici racconti di padri separati: 252 pagine che si leggono d’un fiato, indignano e fanno venire brividi di paura.

Salvatore Del Giudice: Padre Separato senza figli a Natale 0

Salvatore Del Giudice: Padre Separato senza figli a Natale

Salvatore Del Giudice
ROMA – Un McChicken caldo di lacrime. Salvatore lo manda giù in macchina, da solo, anche se è la notte di Natale anche sei lui è un papà e ha promesso regali, baci, sorrisi buoni per le foto. Può buttarli via, i suoi bambini non li vedrà, una casa non ce l’ha, la festa lo ha tradito. Con qualche spicciolo in più non avrebbe preso il pollo, gli hanno insegnato che alla vigilia mangiare carne è come una colpa e non ci si può sentire tristi soli e anche colpevoli, la notte di Natale. Ma Salvatore ha solo tre euro e allora chicken, conserva ancora lo scontrino del McDonald’s di Corso Francia: lo ringrazia tuttora quel panino umido di pianto, gli ha mostrato quanto coraggio può nascondere la disperazione, e quanta forza.

Disubbidisce alla separazione, padre assolto ”per amore” 0

Disubbidisce alla separazione, padre assolto ”per amore”

Martedì 20 Novembre 2012 11:03

Bambini_Genitori2Un padre ”ribelle” per amore della figlia.

LA VITTORIA. Condannato dopo la separazione a vedere la figlia per non più di tre ore infrasettimanali e successivamente processato per aver più volte ritardato a riportarla alla madre, un trentottenne professionista fiorentino è stato assolto in primo grado dal tribunale di Firenze perché il fatto non costituisce reato. La sentenza è di alcuni giorni fa, ma ne danno notizia oggi, martedì 20 novembre, Fabio Barzagli, presidente del network internazionale paternita.info, e Marino Maglietta, presidente dell’associazione Crescere Insieme, cui si deve il disegno di legge 54/2006 sull’affido condiviso. “Sentenza rivoluzionaria”, esulta Maglietta. “Vittoria della ragionevolezza”, aggiunge l’avvocato Elisabetta Bavasso, difensore dell’imputato.

0

La storia di un padre disperato

La storia di un padre disperato Susseguono i drammi : Voleva buttarsi da Ponte Vecchio. Due privati e un’associazione in campo I padri separati tra i nuovi poveri Pistoia, 23 novembre 2012 – Dignità...

Stop Ingiustizie!

Leggi sul divorzio ingiuste,Rapimenti,Tradimenti, Scrivi la tua storia qui in modo che tutti possano leggere. Clicca sul cartello rosso e vai alla Sala Stampa

Stop Ingiustizie!