UOMO DI 35 ANNI ARRESTATO A CHIETI PER STALKING

AGGRESSIONI E PEDINAMENTI ALLA EX MOGLIE
UOMO DI 35 ANNI ARRESTATO A CHIETI PER STALKING
CHIETI – Un uomo di 35 anni residente a Chieti è stato raggiunto da un’ordinanza di custiodia cautelare agli arresti domiciliari per i reati di atti persecutori e lesioni aggravate nei confronti della moglie dalla quale è in corso di separazione.

Era stata la moglie a denunciarlo per stalking lo scorso 18 agosto.

L’uomo, disoccupato, secondo quanto hanno ricostruito gli uomini della Squadra Mobile della Questura di Chieti, non accettando la separazione, di fatto già avvenuta, l’avrebbe tempestata di telefonate ingiuriose e di sms dal tono minaccioso e intimidatorio prospettandole anche gravi conseguenze nei confronti dei figli nelle circostanze in cui gli venivano affidati.

Inoltre si era introdotto nella sua abitazione e, in una occasione, approfittando del fatto di voler vedere i figli, le aveva sottratto l’album del matrimonio gettando le foto nei pressi della scuola di uno dei figli minori.

L’uomo inoltre si sarebbe appostato nei pressi del luogo di lavoro della donna, aggredendola sia verbalmente e, in una occasione, anche fisicamente tanto da provocarle lesioni guaribili in dieci giorni e la pedinava in diverse occasioni: in una circostanza l’avrebbe raggiunta nei pressi di un locale pubblico, dove era in compagnia dei propri genitori, manifestando la volontà di aggredirli e rendendosi protagonista di minacce e ingiurie nei confronti della moglie.

La misura cautelare degli arresti domiciliari è stata disposta dal gip presso il Tribunale di Chieti Paolo Di Geronimo su richiesta del sostituto procuratore della Repubblica Rosangela Di Stefano.

kirap

kirap

Non si conosce mai abbastanza bene una donna fino a quando non la si incontra in tribunale. (Per la maggiore) http://www.separati.eu/

Potrebbero interessarti anche...

Stop Ingiustizie!

Leggi sul divorzio ingiuste,Rapimenti,Tradimenti, Scrivi la tua storia qui in modo che tutti possano leggere. Clicca sul cartello rosso e vai alla Sala Stampa

Stop Ingiustizie!