Vincolo del matrimonio

Vincolo del matrimonio

Vincolo del matrimonio- In diritto romano, costituiva il fondamento della familia propria; fu definito da Modestino  come “…coniùnctio màris et féminæ et consòrtium omnis vitæ, divìni et humàni iùris communicàtio” (unione tra un uomo ed una donna che originava una comunione di tutta la vita, retta insieme da regole giuridiche e religiose).La dottrina ha definito (c.d. nùptiæ) come seria, manifesta e continuata unione tra un uomo ed una donna.
Nonostante le notevoli evoluzioni e modifiche subite nel corso delle varie epoche storiche, fu sempre retto da tre principi fondamentali:-il principio della monogamia- il principio della consensualità- il principio esogamico –

Vincolo del matrimonio

Erennio Modestino

Nuptiae sunt coniunctio maris et feminae, consortium omnis vitae, divini et humani iuris communicatio

Traduzione

Il matrimonio è l’unione di un uomo e di una donna, un consorzio per tutta la vita, una comunione fra il diritto divino e quello umano

Conclusione

Il Matrimonio non si può rompere in nessun caso chi lo rompe commette libero arbitrio

http://www.separati.eu/il-matrimonio/
http://www.separati.eu/il-matrimonio/matrimonio-non-concordatario/

kirap

kirap

Non si conosce mai abbastanza bene una donna fino a quando non la si incontra in tribunale. (Per la maggiore) http://www.separati.eu/

Potrebbero interessarti anche...

  • kirap

    Tradito? Puo’ svergognare moglie
    Lo stabilisce sentenza della Cassazione

    Se il marito scopre di essere tradito, può svergognare la moglie pubblicamente anche insultandola in maniera pesante. A stabilirlo è una sentenza della Quinta sezione penale della Cassazione che ha accolto il ricorso di un uomo di Salerno. Questi aveva inviato ai colleghi della donna stralci scabrosi del diario di lei, dove si raccontava della relazione con il cognato, accompagnati da una lettera di insulti.

    Secondo la suprema Corte, la reazione non è punibile anche se avviene a scoppio ritardato in quanto va considerato “l’accecamento dello stato d’ira provocato dal fatto ingiusto altrui” che non è detto “si esaurisca in un’azione istantanea”.

    Michelangelo F., 52enne, aveva scoperto leggendo i diari della moglie, che questa lo tradiva con il cognato. A quel punto aveva iniziato a selezionare “meticolosamente” i passaggi “più scabrosi”, che attestavano la relazione, e li aveva spediti, insieme a una missiva in cui scriveva che la moglie Maria era “una grande tr…” a sedici professori dell’Università di Salerno dove lavorava la moglie.

    Per questa sua azione ingiuriosa, l’uomo era stato condannato ad otto mesi di reclusione per diffamazione, ingiuria e minaccia, oltre al risarcimento danni della consorte dal Tribunale di Avellino, gennaio 2005. Pena ridotta dalla Corte d’appello di Napoli, nel febbraio 2006, che riconosceva la sola diffamazione. E adesso la Cassazione ha messo la parola fine annullando la condanna per essere l’uomo non punibile il relazione all’art. 599, secondo comma, del codice penale.

Stop Ingiustizie!

Leggi sul divorzio ingiuste,Rapimenti,Tradimenti, Scrivi la tua storia qui in modo che tutti possano leggere. Clicca sul cartello rosso e vai alla Sala Stampa

Stop Ingiustizie!