Caso Sarcina -cronologia storica provvedimenti provvisori emessi Tribunale per i minori di Bari

“Con provvedimento provvisorio del 25.febbraio.2010 n. 686 cron.  N. 1118/09 vg sicam il tribunale per i minori di Bari , il Presidente Rosa Anna De palo ,  il Giudice Concetta Potito considerando la relazione del consultorio familiare di Trinitapoli del 06.nov. 2009 affida le tre minori della mia ex compagna  Lucia ,  ai nonni materni ,  le stesse minori come accordi tra la famiglia della mia ex , la mia ex  stessa , e i servizi sociali e con il consenso delle minori persuase , si trasferiscono dal 06.ottobre.2009 presso l’abitazione dei nonni ancor prima di detto provvedimento e le bambine Sarcina Aurora e Sarcina Federica vengono affidate ai servizi sociali dr.ssa Lucia D’agnello del comune di Trinitapoli per il monitoraggio delle loro condizioni di vita”.

( Vd. Provvedimenti n. 1118/09 vg sicam n. 686 cron Tribunale per i minori Bari con affidamento delle mie figlie ai servizi sociali per il loro monitoraggio delle condizzioni di vita attualmente non in mio possesso , dove viene richiamato altresi’ nel provvedimento  emesso in data 9/28/febbraio.2011 con n. 984/10 vg sicam n. 864 cron . del Tribunale per i minori Bari Vd. avanti )

In data 09.09.2010 la giunta comunale di Trinitapoli – a seguito di relazione del 04.agosto.2010 dei serv. soc.  dr.ssa Lucia D’agnello e dirigente dr. Giuseppe Giachetta  che facevano emettere  il 19.agosto.2010 provvedimento provv. del Tribunale per i minori di Bari –  con delibera n. 126 la Giunta Comunale  approvava lo stanziamento della retta per il ricovero presso struttura protetta della mia ex compagna e delle minori  Sarcina Aurora e Federica con giorno di inizio pubblicazione 13.09.2010 , giorno fine pubblicazione 27.09.2010 e data esecutiva il 23.sett.2010 giorno che materialmente veniva notificato il provvedimento del Tribunale per i minori , componenti ad approvare la delibera  erono Sindaco Di gennaro Ruggero , vice Sindaco assessore alle politiche sociali Di feo Nicola , Brandi Giuseppe assessore , Lamacchia Saverio assesore, Tedesco Giustino assessore , Samarelli Pietro assessore . (Vd. dettaglio delibera comunale n.126 )

In data 04.agosto.2010 in una nota trasmessa dai servizi sociali di Trinitapoli , al Tribunale per i minori di Bari il Presidente Maria Luisa Alessio , il Giudice Marilisa Moretti di detto tribunale il giorno 19.agosto.2010 e notificatomi materialmente il 23.settembre.2010 presso il comando stazione carabinieri di trinitapoli ,  emetteva  provvedimento provvisorio e urgente n. 984/2010 vg sicam  n. 2968 cron.  Evidenziante “ citate parole “ che il procedimento e stato promosso dalla Procura della Repubblica in sede sulla scorta di una nota ( aggiungo precisamente del 4.agosto.2010)trasmessa dal servizio sociale di Trinitapoli evidenziando  le condizioni di pregiudizio per le minori  , stante l’incapacita’ della madre , ….. Di prendersi adeguatamente cura delle figlie , a causa dello stato di disagio determinato dall’elevata conflittualita’ con il compagno e padre delle minori , Lucia , viveva segregata in casa , rifiutandosi di alimentarsi , da ultimo e ennesimo contrasto con il compagno , ha ingerito un’elevata quantita’ di farmaci ed e’ attualmente ricoverata ; considerato che Lucia ha espresso la volonta’ di interrompere la convivenza e di essere collocata in struttura protetta insieme alle figlie e che tale soluzione risulti conforme all’interesse delle minori , nella misura in cui verranno realizzati interventi di sostegno volti al recupero del benessere psicofisico della madre , consentendo alla stessa di esercitare il suo ruolo genitoriale ; considerando che Lucia ha espresso la volonta’ di non rendere edotto il compagno del luogo in cui sara’ collocata , e necessario che gli incontri padre e figlie si tengono in luogo diverso della comunita’ ospitante , da reperirsi a cura del servizio sociale , che curera’ gli aspetti organizzativi degli stessi : ritenuto pertando di dovere affidare Aurora e Federica al servizio sociale di Trinitapoli affinche’ provveda a collocarle unitamente alla genitrice …… il Tribunale  p.q.m.

 1 – affida Aurora e Federica al servizio sociale di Trinitapoli affinche’ provveda a collocarle , unitamente alla genitrice , presso una struttura comunitaria idonea alla realizzazione degli interventi volti al benessere psicofisico di Lucia ;

2- disponendo che Sarcina Michele ( che sarei io )  incontri le figlie in luogo diverso dalla comunita’ ospitante da reperirsi a cura del servizio sociale , che curera’ gli aspetti organizzativi degli stessi ;

3- attribuendo al decreto efficacia immediata a riserva la decisione definitiva all’esito dell’istruttoria e comunque entro il termine di mesi dieci dalla comunicazione del provvedimento .

In data 23 settembre 2010  gli ufficiali di p.g. mar. Ca. Natale Sabino e Brig.ca. Scamarcio Vincenzo effettivi presso il comando stazione carabinieri di Trinitapoli su richiesta del servizio sociale di trinitapoli nella persona di d’agnello lucia e personale della questura di foggia – ufficio minori – sost.com. Tesario Alfonzia e isp.c.a. Cassano Pasquale , sopraggingevono  presso l’abitazione dei genitori di Lucia , al fine di eseguire un provvedimento provvisorio nr. 984/10 vg sicam emesso dal tribunale per i minorenni di Bari . Ivi giunti avuta la presenza di lucia nonche’ delle figlie Aurora e Federica , che venivano accompagnate presso gli uffici del comando stazione carabinieri . Dopodicche’ una pattuglia di carabinieri giunta presso la mia abitazione mi invitava ha recarmi in caserma . Giunto in caserma vedo porte chiuse e sento le bambine che piangevono dopo aver subito pregiudizi dal sost. Com. Teserario Alfonzia affermando che perpetravo violenze sulla mia compagna mi fanno salutare le mie figlie Aurora e Federica vedendole traumatizzate intimorite con gli occhi tristi e mi notificano consegnandomi copia di detto provvedimento nel contempo lascio soldi a lucia .

Il provvedimento del tribunale e datato 19.08.2010 , notificatomi il 23.09.2010 , mentre solo verso la meta’ di ottobre mi verra’ concesso di vedere le bambine in presenza delle polizia in divisa e armata e operatori sociali e psicologa della struttura .

( dopo ben due mesi dal provvedimento )

(vd. Verbalizzazione e notifica del 23.settembre.2010  provvedimento n.984/2010 n. N. 2968 cron. Emesso agosto/settembre dal Tribunale per i minori di Bari )






Il Tribunale per i minori di Bari Presidente Rosa Anna De palo , Giudice Concetta Potito , con n. 864/10 vg sicam  n. 4415 cron ,  emette  il giorno 24.nov.2010 e notificato il 07.12.2010 provvedimento provvisorio “citando …… altresi” che  considerando che la comunita’ ove sono ospiti le minori e la madre ha fatto richiesta di far presenziare la forza pubblica agli incontri con le bambine con il padre a scopo di tutela .

Ritenuto che debba essere concessa l’autorizzazione richiesta .prevedendo che la forza pubblica da interessare ( ufficio minori della questura di Bari ) sia presente agli incontri ma in modo da non rendersi visibile ne alle bambine ne al padre , in modo da non interferire con gli stessi incontri e da lasciare un margine di aprezzabile di liberta’ negli incontri stessi.1) disponendo che gli incontri delle minori Sarcina Aurora e Sarcina Federica , con il padre Sarcina Saverio , avvengono in contesti protetti e alla presenza del personale dell’ufficio minori della questura di Foggia , secondo le modalita’ in premessa indicate .( vd provvedimento provv. Del 07.dic.2010  n.4415cron. ).



In una nota datata 23.12.2010 ( vd. Nota)  i servizi sociali del comune di Trinitapoli comunicano al mio legale rondinone , in oggetto : trasmissione provvedimento n. 4819 del 22.12.2010 emesso dal tribunale dei minori di bari in merito alle minori Sarcina Aurora e Federica. “ in allegato alla presente trasmetto copia del provvedimento n. 4819 relativo alle minori in oggetto , al fine di comunicare al suo cliente Sarcina Saverio ( padre delle stesse ) quanto disposto dal Tribunale dei minori di Bari . Poiche’ le minori con la madre Lucia , trascorreranno il periodo natalizio  ( dal 23.dicembre.2010 sino al 3. Gennaio ) presso l’abitazione dei nonni materni , il padre incontrera’ le sue figlie il 29.dicembre presso questo servizio sociale dalle ore 9.30 alle 11,30 attenendoci e modalita’ in precedenza stabilite ( punto 3 del provvedimento ) .

Il Tribunale per i minori di Bari Presidente Antonella Triggiani , Giudice Concetta Potito , emette in data 22.12.2010 e notificato il 23.12.2010 con n. 984/10  n.4819 cron . Provvedimento provvisorio  ( vd. Provvedimento ) “letti e richiamati i precedenti decreti adottati nell’interesse delle minori , in ragione dal pregiudizio causato dalle loro condizioni familiari ,  …….  Considerando che la madre delle minori ha avanzato istanza al fine di consentire il rientro c/o la abitazione dei sui genitori per il periodo natalizio ( dal 23.dicembre 2010 al 03.gennaio 2010 ) ; considerando che l’istanza puo’ essere accolta poiche’ in tal modo le minori potranno trascorere un periodo di tempo con le proprie sorelle , che sono affidate ai nonni materni , considerato che va previsto che all’esito del periodo natalizio le minori facciano rientro in struttura , atteso che e necessario consolidare i risultati raggiunti sinora dalla madre e verificare se vi siano le condizzioni onde destituzionalizzare “ .

 p.q.m.

1) autorizza le minori Sarcina Aurora e Federica a trascorrere insieme alla madre il periodo decorrente dal 23 dicembre 2010 al 3.gennaio. 2011 , presso l’abitazione dei nonni materni ;

2) dispone che il servizio sociale di Trinitapoli assicuri il loro rientro presso la struttura comunitaria ove esse sono ospitate , unitamente alla madre , se costei intendera’ seguire la prole e, in caso negativo , senza la madre;

3) dispone che il servizio sociale affidatario assicure , nel periodo natalizio , gli incontri del padre con le minori secondo le modalita’ in precedenza stabilite . (vd. Provvedimento del 22.23/dicembre.2010 .)




Il tribunale per i minori , Presidente Rosa Anna De palo , Giudice Concetta Potito in data 09.febbraio.2011 e notificato il 28.02.2011 emetteva con n. 984/10 vg sicam  n. 864 cron. Provvedimento provvisorio (  “  ……….. Le minori hanno  infatti un ottimo rapporto con il padre e su questo non v’e’ dubbio , atteso che i risultati dell’istruttoria sono tutti concordi ; sicche’ sebbene vi siano , atrettanto molti elementi relativi al padre da valutare ulteriormente ( tenuto conto delle ragioni che hanno determinato  l’avvio del procedimento , in particolare dalla sussistenza di un cosi elevato conflitto con la sua ex compagna , portata a compiere un gesto estremo , cofflitto peraltro confermato anche dalle prime figlie e dai genitori della caggia ) , vi sono sufficenti ragioni per incrementare i contatti tra le minori ed il padre “.

“ va quindi previsto , anche per favorire il riavvicinamento alle sue prime figlie , che le minori facciano rientro a trinitapoli per due fine settimana al mese , durante i quali esse potranno incontrare il padre in contesti liberi “.

“l’attuale istituzionalizzazione delle minori con la madre a brindisi e poi risultata , a seguito dell’istruttoria espletata , del tutto sproporzionata, rispetto alle problematiche mostrate dal nucleo : trattasi infatti di un nucleo nel quale sussiste si un’elevata conflittualita’ alla quale comunque gli adulti potranno agevolmente porre rimedio senza alcun intervento esterno , ma va rilevato che nel nucleo non sono state evidenziate inadembienze tali da escludere un intervento dei servizi sociali in ambiente , favorendo pertando in tal modo la destituzionalizzazione delle minori ed il loro rientro in ambiente .

Non va sottaciuto , infatti che Lucia sostanzialmente dispone di un’abitazione autonoma , e madre di ben 5 figlie ed ha raggiunto un’eta’ tale da non poter dubitare sulla sua concreta capacita’ di accudire i figli , o almeno di gestire i loro bisogni primari : conseguentemente , i servizi dovranno attuare percorsi finalizzati alla destituzionalizzazione delle minori , con contestuale loro riavvicinamento a trinitapoli , reperendo una struttura protetta o ,  collocandole nella abitazione a disposizione della madre , ma in tal caso con il sostegno del servizio di educativa domiciliare che potra’ sostenere la madre , almeno nella prima fase, nella gestione quotidiana “.

E’ da evidenziare che le minori dovranno esser collocate con la madre , in comunita’ o nella abitazione autonoma , tenuto conto sia della loro tenera eta’ , sia dal fatto che e ‘ opportuno fare piena luce sui comportamenti paterni e sui disagi che essi hanno causato al nucleo , circostanza che, allo stato, esclude  la praticabilita’ dela soluzione dell’affidamento delle minori al sarcina . Vanno impartite prescrizioni ad entrambi i genitori , al fine di renderli collaborativi . Disponendo fra l’altro che :“ )

1)      Le minori Sarcina Aurora e Sarcina Federica continuano ad incontrare il padre secondo le modalita’ in atto , e che, in aggiunta, esse trascorrano con la madre , due fine settimana al mese in trinitapoli, nel corso dei quali si svolgeranno gli incontri con il padre , in contesti liberi, secondo i tempi indicati dal servizio sociale di trinitapoli e prevedendo che per i primi due incontri, le minori non pernottino con il padre ;

2)      Che il servizio sociale del comune di trinitapoli avvii un percorso di destituzionalizzazione della madre e delle minori, prevedento il loro graduale rientro a trinitapoli, in altra struttura protetta o in abitazione autonoma (ma in tal caso con la previsione del servizio di educativa domiciliare) da attuarsi non oltre il mese di maggio del corrente anno”.

5)    richiede al servizio sociale di trinitapoli di inviare entro un mese relazione di  aggiornamento sulle attivita’ svolte e sui risultati raggiunti ;

( vd. Provvedimento n. 984/10 vg sicam n. 864 cron. Emesso in data 9,28/febbraio.2011 dal trib. Min. Bari )

Con nota del 29.04.2011 i servizi sociali del comune di Trinitapoli presso e tramite i vv.uu in loro presenza notificavono in oggetto : “ trasmissione provv. N. 1963/11 cron. Emesso dal tribunale dei minori di Bari”.

“ in allegato alla presente si trasmette copia del provvedimento n.1963/11 emesso dal tribunale dei minori di bari gia’ notificato al suo avv. Rosa Petruzzelli .”

Il tribunale per i minori , Presidente Rosa Anna De palo , Giudice Concetta Potito in data 20.aprile.2011 e notificato il 29.aprile.2011 tramite detta nota   emetteva con n. 984/10 vg sicam  n. 1963 cron. Provvedimento provvisorio recitando tetuali parole …….. Era evidenziata l’opportunita’ di favorire ( anziche’ scrivere incrementare perche’ si e sempre chiesto di incrementare gli incontri ) gli incontri tra le minori e il padre , sicche’ , con decreto 9 febbraio 2011 , n. 864.cron , veniva disposto un graduale riavvicinamento delle minori a trinitapoli , da attuarsi per il mese di maggio del corrente anno , prevedendosi anche incontri delle bambine con il padre sia a brindisi che a Trinitapoli , in questo modo gia avviando rientri delle stesse con la madre nel paese di origine per due fine settimana al mese ; considerando che succesivamente Sarcina Saverio ha adottato comportamenti di scarsa collaborazione , come evidenziato nella nota del servizio sociale di trinitapoli del 23.marzo 2011, avendo omesso di comunicare al servizio il proprio indirizzo e quindi non consentendo agli operatori sociali di verificare la idonieta’ degli ambienti dove far pernottare le minori ; considerato che e stato altresi segnalato il rifiuto del Sarcina di sottoscrivere una dichiarazione di tutela della privacy , sottoscrizione richiestagli dal centro risorse per la famiglie della provincia di brindisi , sicche’ venivano sospesi i suoi incontri con le figlie; “

“considerato che veniva svolta attivita’ istruttoria , in data 1.aprile2011 , a seguito della quale il sarcina decideva di sottoscrivere il modello di tutela della privacy , per poter riprendere gli incontri con le figlie ; considerato che il successivo 4.aprile 2011  Lucia ( le cui condizzioni abitative in Trinitapoli non erano ancora del tutto chiarite ) , inviava un fax al tribunale nel quale chiedeva di poter anticipare il rientro a casa;

Considerato che nella stessa giornata Sarcina Saverio inscenava innanzi al tribunale per i minori una manifestazione di protesta , consistente nella esposizione di un tabbellone appeso alla recinzione posta di fronte al tribunale , nella esposizione di due cartelli da lui indossati e nella distribuzione ai passanti di volantini , oltre che nella spiegazione ai passanti dei fatti a mezzo megafono , lamentando l’allontanamento delle figlie da trinitapoli ed il loro collocamento in comunita’ (cfr. Nota dei Carabinieri di Puglia del 18aprile 2011 ) “

“considerato che il successivo 8.aprile2011 veniva svolta attivita’ istruttoria nel corso della quale emergeva che Caggia Lucia non si trovava ancora nelle condizzioni di poter fare rientro a trinitapoli, non disponendo di una abitazione attrezzata ne’ potendo contare del tutto sull’aiuto dei propri genitori , che non hanno rapporti positivi con il Sarcina ; costui, peraltro , sebbene abbia mostrato un rapporto positivo con le figlie con le sue figlie , di fatto non e in grado di potersi occupare di loro , pur essendo in tal senso sollecitato dagli operatori , nei confronti dei quali continua a mantenere un rapporto del tutto oppositivo ; ritenuto che siano emerse in tutta evidenzia le instabilita’ di entrambi i genitori , tanto da risultare assolutamente necessario approfondire le loro capacita’ di gestire la prole in maniera autonoma e di rapportarsi ai figli in modo equilibrato ; va rimarcato che gia’ nel precedente decreto era stata evidenziata la necessita’ di fare piena luce sui comportamenti del sarcina , alla luce delle ragioni che avevano determinato l’avvio del presente procedimento , mentre , quanto a Caggia Lucia , e evidente la necessita’ di valutare la sua capacita’ di gestire la sua complessa situazione familiare , connotata da confusione e conflittualita’ ; questi elementi dubbi , a seguito degli ultimi avvenimenti , portano a ritenere assolutamenti necessari ulteriori approfondimenti sulle effettive capacita’ genitoriali del Sarcina e della Caggia , sicche’ risulta opportuno effettuare una consulenza tecnica di ufficio che coinvolga sia uno specialista psichiatra che psicologo :

Considerato che , nelle more dell’approfondimento e per evitare ulteriori traumi alle minori , in attesa di valutare quali saranno gli sviluppi della loro vicenda familiare , sia neccessario sospendere i loro rientri a Trinitapoli;

Ritenuto che sia inoltre necessario provvedere alla sostituzione del curatore speciale , atteso che quello nominato in precedenza non ha svolto alcuna attivita’ nell’ambito del presente procedimento ; ritenuto , infine, che la decisione sia provvisoria e che la procedura debba essere definita nel termine di un’anno ; “

Disponendo fra l’altro :

1)      Ordina la sospensione dei rientri delle minori sarcina federica e sarcina aurora nella citta di trinitapoli .

2)      Nomina consulenti tecnici di ufficio il prof. Oronzo Greco e il Dott.  Roberto Maniglio e li invita a comparire innanzi al Giudice Concetta Potito ( che delega per la formulazione dei quesiti e per la risoluzione di tutte le questioni che dovessero insorgere nell’ambito dello svolgimento della consulenza ), all’udienza del 13.05.11 ore 11.00 ;

3)      Nomina, quale curatore speciale delle minori , in sostituzione dell’avv. Danila Abbruzzese , l’avv. Giuseppe Clima , invitandolo al patrocinio a spese dello stato , ove lo ritenga opportuno ,

4)       riserva la decisione definitiva nel termine di un anno ;”

In data 13/16/maggio.2011 il Tribunale per i minori di Bari Presidente Anna Rosa De palo, Giudice (incomprensibile ) con provvedimento n 984.10.vg. N. 2233/11 ( vd. Provvedimento come allegato ) riunito in camera di consiglio , “ letti gli atti relativi alle minori Sarcina Federica e Sarcina Aurora ; Letta la nota del giorno 11.maggio  della responsabile della struttura “ casa rifugio donna “ che evidenziava la necessita’ di procedere al trasferimento delle minori e della genitrice in altra struttura , a tutela della segretezza alla ubicazione della struttura , e a conseguenza alle altri ospiti ; ritenuto pertanto di dover disporre l’immediato trasferimento delle minori e della genitrice ;

P.q.m . 1) incarica altresi il servizio sociale di Trinitapoli di procedere all’immediato trasferimento delle minori sarcina , unitamente alla genitrice , presso altra struttura ugualmente idonea , 2) incarica altresi al suindicato servizio all’organizzazione degli incontri tra le minori e il padre al difuori del contesto comunitario ; attribuisce al presente decreto efficacia immediata .

Il tribunale per i minori di Bari , Presidente De palo , Giudice Potito , con provvedimento n.984/10  n. 2567 cron.  Depositato in cancelleria 1.6.2011 e notifivato in data 06.06.2011 , (vd. Provvedimento come in allegato ) “ letti gli atti del procedimento sopra indicato nell’interesse delle minori sarcina aurora e sarcina federica . Richiamati tutti i precedenti decreti avuti nell’interesse dell minori ; considerando che la questura di brindisi con nota del 27.05.2011 ha evidenziato che il padre delle minori ha tenuto , nel corso degli incontri con le figlie minori con modalita’ protette comportamenti del tutto pregiudizzievoli al benessere delle minori , pertando quindi e ritenere che neanche le modalita’ protette possono salvaguardare l’interesse delle bambine ; ritenuto di dover ordinare l’immediata sospensione degli incontri ; p.q.m. letto il parere del p.m. , cosi provvede :

1)      Ordina l’immediata sospensione degli incontri di Sarcina Saverio con le minori Sarcina Aurora e Sarcina Federica , salvo gli incontri necessari all’espletamento della ctu , che comunque dovranno svolgersi in modalita’ protette , alla presenza di operatori della comunita’ e delle forze dell’ordine secondo le indicazioni dei ctu;

2)      Attribuisce  al presente decreto efficacia immediata ;

3)      Da mandato alla cancelleria per l’urgente comunicazione ( via fax ai genitori , al curatore speciale , alla comunita’ che ospita le minori e alla questura di brindisi ufficio minori .

N.b. nei suesposti provvedimenti ci sono mistificazioni e strumentalizazzioni di ogni genere nonche’ azioni continuate non noti ma disposti ad esempio le mie figlie non si trovano nella struttura di Latiano ma a San Pancrazio Salentino trasferite senza un provvedimento , posso produrre prove di ogni genere registrazioni , documentate , immagini , denucie , video nella vicenda .

si rimane a disposizione per ogni determinazione nella vicenda de quo .

Aiutiamo Aurora e Federica a tornare a casa dal loro papa’ Saverio !
Fonte:http://www.facebook.com/notes/saverio-sarcina/caso-sarcina-cronologia-storica-provvedimenti-provvisori-emessi-tribunale-per-i-/225199947525393#!/notes/saverio-sarcina/caso-sarcina-cronologia-storica-provvedimenti-provvisori-emessi-tribunale-per-i-/225199947525393

kirap

kirap

Non si conosce mai abbastanza bene una donna fino a quando non la si incontra in tribunale.
(Per la maggiore)
https://www.separati.eu/

Potrebbero interessarti anche...

  • giuseppe

    non ho parole per esprimere la grande delusione professionale nell’ambito del Tribunale dei Minori di Bari………….. sono stato seriamente danneggiato da codesto Tribunale, nella figura di padre e nella mia dignità personale e professionale, ti esprimo massima solidarietà…
    continua ad essere te stesso non può un provvedimento cancellare la figura di un padre……………….

Stop Ingiustizie!

Leggi sul divorzio ingiuste,Rapimenti,Tradimenti, Scrivi la tua storia qui in modo che tutti possano leggere. Clicca sul cartello rosso e vai alla Sala Stampa

Stop Ingiustizie!