Dona seme per compassione e dopo 13 anni..!!

Il GIUDICE LO OBBLIGA A MANTENERE LE FIGLIE CHE NON CONOSCE

L’inverosimile supera l’immaginazione …le assurdità si susseguono inconcepibilmente nelle sentenze a tutela delle donne pur essendo non donne. 

Mark-Langridge

Mark-Langridge

LONDRA – Per 13 anni ha vissuto la sua vita come se loro non esistessero. Mark Langridgenon si sentiva affatto genitore delle bambine che aveva contribuito a far nascere, ma solo un donatore di sperma. Aveva aiutato una coppia di donne lesbiche ad avere una gravidanza e ora, dopo tanto tempo, è un uomo perseguitato dalle destinatarie del suo “atto di gentilezza” e dalla giustizia. Lo Stato, infatti, gli chiede gli assegni di mantenimento per le figlie, nate rispettivamente nel 1998 e nel 2000, fino a quando non raggiungeranno l’età adulta. Il 47enne, proveniente dall’Essex e omosessuale, fa sapere di conoscere le bambine a malapena e di non avere i soldi per adempiere a questi obblighi.
Langridge incontrò le donne in una discoteca gay a Southend nel 1997 e divennero buoni amici. Quando una delle donne ha rivelato di volere disperatamente un figlio, Langridge ha accettato di aiutarla, a patto che non ci fossero vincoli. “Io non ho chiesto nulla, nemmeno di essere riconosciuto legalmente come padre”, ha detto. Dopo la nascita della prima bambina, nel 1998, a Langridge è stato chiesto di donare di nuovo il proprio sperma, che ha portato alla nascita della seconda figlia, nel 2000. Mark è rimasto in contatto con la madre e ha visto le piccole in occasione di eventi sociali. Dal 2004, però, i rapporti con la famiglia si sono interrotti. Ora la mamma biologica delle bambine è rimasta sola e a corto di soldi.

kirap

kirap

Non si conosce mai abbastanza bene una donna fino a quando non la si incontra in tribunale.
(Per la maggiore)
https://www.separati.eu/

Potrebbero interessarti anche...

  • Pierpaolo

    Una sentenza che serva da lezione.

Stop Ingiustizie!

Leggi sul divorzio ingiuste,Rapimenti,Tradimenti, Scrivi la tua storia qui in modo che tutti possano leggere. Clicca sul cartello rosso e vai alla Sala Stampa

Stop Ingiustizie!