L’odissea di Riccardo Tulipanti

Bigenitorialità. “Sto lottando per continuare a fare il padre di mia figlia”.

L’odissea di Riccardo TulipantiL’odissea di Riccardo Tulipanti

Riva Ligure. “La legge sulla bigenitorialità c’è. Che la si applichi invece di continuare a speculare sul minore visto come un ‘affare’!” .

Finalmente l’annosa odissea del rivese Riccardo Tulipanti sta avendo risvolti positivi, grazie alle disposizioni del Giudice del Tribunale Ordinario di Torino che, proprio in questi giorni, ha deciso che il papà ponentino potrà rivedere sua figlia (l’ultima volta è stato il 19 marzo di quest’anno), innanzitutto in video chiamata,  e che, sotto la vigilanza degli assistenti sociali, gli sia garantita la certezza di poter riallacciare con lei quel così tanto desiderato rapporto affettivo finora venuto meno.

Ad oggi, infatti, sono quasi quattro mesi che Riccardo non vede nemmeno più via web sua figlia di tre anni e mezzo, portata via, in Piemonte, dalla compagna con la quale ha convissuto per due anni. “Il suo obiettivo ora è fare che in nostra figlia non ci sia più ricordo di me”.

Dopo aver dato fondo a tutti i suoi averi per far fronte a questa vicenda che dura da tre anni, Tulipanti adesso sta contando solo ormai sui consigli di amici e su professionisti di cuore “per aiutarmi ad accorciare, ove possibile, quella burocrazia volutamente lenta proprio per creare indotto economico per molti”. Ma se, e per fortuna non è sempre così, qualcuno può tentare di trarre vantaggio da situazioni drammatiche come questa, il responsabile di Cofamili – Case Famiglia per Minori della Liguria,Nazzareno Coppola tiene a sottolineare quante invece siano le realtà e i professionisti corretti e trasparenti e come ci si possa anche affidare con fiducia all’AIAF Associazione Italiana degli Avvocati per la Famiglia e per i Minori, un’associazione di rappresentanza e di categoria senza fini di lucro che da anni si batte per una riforma dei procedimenti in materia di famiglia e di minori, per un giudizio con rito unico, snello e veloce, avanti ad un unico giudice specializzato, e quindi per l’istituzione di sezioni specializzate del tribunale ordinario, e la conseguente riduzione delle competenze del tribunale per i minorenni.

Rimane comunque indubbio che è la legge 57 del 2006 sulla bigenotorialità – che fornisce disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli – ad essere il nodo cruciale, poiché solo ora in Italia si inizia ad applicarla,dopo che per decenni la società ha sostenuto una radicata concezione che favoriva le madri, ritenute le più adeguate ad accudire i figli. “A riguardo sia chiaro che mai ho voluto togliere la bambina alla mia compagna. – chiude Riccardo Tulipanti -Sostengo invece da sempre che la nostra piccola debba crescere con entrambi”.

Un amore paterno sconfinato e incondizionato quello di Riccardo che per la sua “principessa” qualche tempo fa ha pure scritto “Che sorriso che hai”, una canzone semplice ma di una forza emotiva straordinaria, per dire “il tuo papà c’è, sempre!”. Qui sotto il video:

kirap

kirap

Non si conosce mai abbastanza bene una donna fino a quando non la si incontra in tribunale.
(Per la maggiore)
https://www.separati.eu/

Potrebbero interessarti anche...

Stop Ingiustizie!

Leggi sul divorzio ingiuste,Rapimenti,Tradimenti, Scrivi la tua storia qui in modo che tutti possano leggere. Clicca sul cartello rosso e vai alla Sala Stampa

Stop Ingiustizie!