Maria Laura Rodotà

Maria Laura Rodotà

Ecco un”altra nazi-femminista cresciuta sicuramente in un covo di tali.. leggete cosa scrive:

Verdone e la sua verità  sui padri separati :di Maria Laura Rodotà Maria Laura Rodotà

«Stasera se magna!», grida Carlo Verdone in Posti in piedi in Paradiso, dopo aver scroccato un invito a cena. Lui e i suoi due compagni di casa separati, a fine mese, non hanno più un euro. Gli stratagemmi dei tre diversamente cialtroni (lui, Marco Giallini e Pierfrancesco Favino) fanno moderatamente ridere e un pò riflettere. Perché:

1) Il film mostra come molti mariti-padri separati e maltrattati i loro guai spesso se li vadano a cercare. Perché, pur italianamente simpatici, sono uomini che odiano le donne. Quasi tutte: le donne anziane che vogliono fare sesso, le donne puerpere che non vogliono fare sesso, le donne grasse perché sono grasse, le donne singole in cerca di moroso, le donne-amanti perché restano incinte, le casino pa natet donne cornute che non accettano il fatto con cristiana rassegnazione. In questo clima da guerra dei sessi retriva, le separazioni finiscono malissimo.

2) Le separazioni proseguono malissimo causa recessione. Posti in piedi in Paradiso è una commedia della crisi; in cui tre uomini del ceto medio sono rovinati dagli alimenti ma anche dal lavoro che non c’è più. E chiedono prestiti, e vivono di espedienti, e si vergognano. I loro figli non sono messi meglio: un laureato con lode fa il commesso, una ventenne taccheggiatrice si rifà  il naso pagando a rate. E’ un film sulla mancanza di futuro, anche.

3) Gli ex mariti-padri impoveriti hanno ispirato il film. Ora si attende un film sulle ex mogli-madri impoverite, che sono molte di più: il 15,4 per cento, secondo l’Istat, gli uomini separati e singoli poveri sono l’1,6. Per il blog La 27esima ora del Corriere.it, Maria Silvia Sacchi spiega: «Del 12,7 per cento di separati/divorziati che chiede aiuto alla Caritas il 66,5 per cento è donna, il 33,5 è uomo». All’Ufficio studi della Cei sottolineano che «noi non riscontriamo il fenomeno dei padri separati che ricorrono alla Caritas così come viene descritto». Ma poi nel film fanno altro.

4)E forse la chiave per capire il problema è il personaggio dello strepitoso Marco Giallini, il più cialtrone dei tre, un pò Alberto Sordi un pò Gassmann-Bruno Cortona nel Sorpasso. Nel film di Verdone si mantiene facendo sesso a pagamento con donne in età . E’ divertente ma è un post-maschio desolante. Si rimpiange il suo celerino di Acab, depresso ma dignitoso, violento ma senza capelli tinti (certo se rimpiangiamo i celerini fascisti siamo messe male, come femmine, pure noi).

La falsità  vuole coprire la verità ..come sempre questo è il gioco dell”informazione..dirottare la verità .. immettere false verità ..false notizie celate sotto forma di commenti.. per portare ad una riflessione errata del lettore.

Di già  il film di verdone non è dei più rosei prospetti poi ci si mettono le giornaliste nazi-femministe a completare l”opera per un sicuro genocidio dei padri separati.

Ospite

Sono te ,lui,chiunque e scrivo in anonimatohttp://www.separati.eu/

Potrebbero interessarti anche...

Stop Ingiustizie!

Leggi sul divorzio ingiuste,Rapimenti,Tradimenti, Scrivi la tua storia qui in modo che tutti possano leggere. Clicca sul cartello rosso e vai alla Sala Stampa

Stop Ingiustizie!