Seal e Heidi Klum divorzio al veleno

Dopo le accuse alla ex-moglie di tradimento con il bodyguard, il cantante si scusa ma le chiede gli alimenti

La separazione fra Seal e Heidi Klum sta diventando una lotta senza esclusione di colpi. Qualche giorno fa il cantante aveva accusato la ex di averlo tradito con il bodyguard durante il matrimonio, usando termini sprezzanti come “fornicating with the help”.

Salvo poi pentirsi per i toni usati verso la madre dei suoi figli per sferrare il colpo successivo: la richiesta degli alimenti.

Heidi Klum, che dal canto suo nega qualsiasi relazione adulterina, dovrebbe sborsare all’ex-marito una buona fetta del suo patrimonio, stimato intorno ai 70 milioni di dollari.

E sono in molti a cominciare a pensare che la faccenda della guardia del corpo sia solo una montatura diSeal per ottenere più soldi. Anche perché, a detta del sito di gossip Tmz, Martin Kristen il famigerato bodyguard, sta ancora lavorando per la star britannica, che stranamente non l’ha licenziato nonostante l’ipotetica tresca con la Klum.

Ci pensa l’algida modella a smorzare i toni, negando rapporti extra-professionali con il suo dipendente e dichiarando: “Conservo tutti i bei ricordi che io e Seal abbiamo costruito negli anni. La nostra separazione si fonda su questione private fra me e lui. Seal ha voltato pagina e anche io (…) La mia priorità è proteggere i nostri figli”.

La coppia, che si era sposata in Messico nel 2005, ha tre figli: Henry Samuel, 6 anni, Johan Samuel, cinque anni e Lou Samuel, nata il 9 ottobre 2009. Heidi ha anche un’altra figlia, Leni Klum, che Seal ha adottato, nata nel maggio 2004 dalla relazione, secondo le voci, con Flavio Briatore.

kirap

kirap

Non si conosce mai abbastanza bene una donna fino a quando non la si incontra in tribunale.
(Per la maggiore)
https://www.separati.eu/

Potrebbero interessarti anche...

Stop Ingiustizie!

Leggi sul divorzio ingiuste,Rapimenti,Tradimenti, Scrivi la tua storia qui in modo che tutti possano leggere. Clicca sul cartello rosso e vai alla Sala Stampa

Stop Ingiustizie!